Qual è la consulenza pastorale?

La consulenza pastorale è una forma di consulenza psicologica che incorpora la spiritualità in un trattamento terapeutico. L’obiettivo di questo tipo di psicoterapia è quello di affrontare una varietà di esigenze psicologiche sottese da una prospettiva basata sulla fede. Gli Stati Uniti hanno un movimento di consulenza pastorale molto ampia e attiva e simili servizi sono offerti in molte altre regioni del mondo, di solito nel contesto di ministeri cristiani, anche se i consiglieri pastorali possono essere musulmani, buddisti, ebrei, indù o associati a Qualsiasi numero di altre fedi.

In regioni in cui i consiglieri pastorali sono certificati da organizzazioni professionali o governative, sono generalmente ordinati funzionari religiosi che hanno anche studiato la psicoterapia. Ciò può richiedere un certo numero di anni di istruzione, con almeno tre anni in un seminario e da quattro a otto anni ottenendo la certificazione professionale come terapeuti. In altri settori, il consulente pastorale può mancare di una specifica certificazione e di accreditamento, nel qual caso la loro idoneità alla pratica di consulenti può variare considerevolmente, rendendo la buona idea cercare persone che sono concesse in licenza come consiglieri quando cercano consiglieri pastorali.

Il concetto di consulenza pastorale è una naturale eredità dell’idea che gli ufficiali religiosi dovrebbero prestare attenzione ai loro greggi, fornendo supporto, consigli e consigli per le persone in tutte le sfere della vita. Include entrambe le credenze religiose profondamente tenute e gli ultimi progressi nella psicologia in modo che le persone che cercano l’accesso alla consulenza abbiano il beneficio della spiritualità e della psicoterapia nel loro trattamento. I consiglieri pastorali possono fornire assistenza alle persone che affrontano una serie di questioni psicologiche, tra cui la depressione, lo stress o le crisi di fede, e possono offrire servizi alle coppie e alle famiglie.

In genere, la gente deve pagare per servizi di consulenza pastorale, anche se una scala scorrevole di tasse può essere utilizzato per garantire che la consulenza è accessibile a tutti. I consiglieri pastorali possono anche optare per lavorare come volontari in luoghi come scuole e comunità a rischio per fornire servizi di consulenza necessari. Nelle aree in cui i consiglieri pastorali sono anche terapeuti certificati, le compagnie di assicurazione possono accettare di pagare per la consulenza, supponendo che i servizi di salute mentale siano inclusi in un piano di assicurazione sanitaria.

Le persone non devono necessariamente appartenere alla chiesa con cui un affiliato pastorale è affiliato. Alcune persone possono optare per esaminare la consulenza pastorale perché stanno lottando con questioni spirituali che ritengono non possano essere affrontate da un consulente regolare, indipendentemente dal fatto che appartengono a una particolare chiesa o alla fede. Altri potrebbero preferire un consulente che condivide la loro fede religiosa. I consiglieri pastorali non spingeranno generalmente i clienti in base alla fede o alla presenza della chiesa.