Cosa è la proteinuria?

La proteinuria è un termine medico usato per descrivere alti livelli di proteine ​​nelle urine. In condizioni normali, le persone non hanno proteine ​​nelle urine perché le strutture nei reni conosciute come glomeruli filtrano le proteine ​​in modo che possano essere riutilizzate dal corpo. Nelle persone con questa condizione, la proteina indica che c’è un problema medico che deve essere affrontato.

La causa della proteina è danno renale che interferisce con la funzione dei glomeruli, in modo da non poter filtrare proteine. La glomerulonefrite, in cui queste strutture diventano infiammate, è una causa comune. La proteina è anche associata a problemi cardiovascolari, tra cui l’alta pressione sanguigna e il diabete, che possono mettere i ceppi sui reni in modo che non possano funzionare normalmente. La proteina nelle urine può anche essere causata da infezioni e infiammazioni del tratto urinario.

Alcune persone sviluppano l’edema, soprattutto nelle mani e nei piedi. Il gonfiore delle mani e dei piedi può essere scomodo e può significare che le scarpe e gli anelli non si adattano come normalmente. L’urina schiumosa, causata da un cambiamento di tensione superficiale, può anche svilupparsi in persone con elevati livelli di proteine ​​nelle loro urine. Altri individui non sviluppano sintomi, solo scoprendo il problema durante un esame medico.

Questa condizione viene diagnosticata prendendo un campione di urina da un paziente e analizzandolo. Molti laboratori hanno un semplice “test di livello” in cui una striscia rivestita in materiale sensibile alla proteina è immersa nell’urina per verificare la presenza di proteine. È anche possibile analizzare chimicamente l’urina. L’albumina è la proteina più comunemente presente nei pazienti con questa condizione, anche se altre proteine ​​possono essere presenti.

La proteinuria è semplicemente un sintomo di una condizione medica sottostante. Trattare la causa, la proteina in eccesso nelle urine sarà di solito risolta come bene. Poiché i problemi renali possono portare a problemi medici molto gravi, la presenza di proteine ​​in eccesso nelle urine è una causa di preoccupazione e deve essere affrontata da un medico.

Negli atleti, la proteinuria si sviluppa talvolta dopo l’esercizio fisico e può essere rivelato sul test di droga o sugli esami fisici di routine. In origine, i medici pensavano che questo fosse un segno di danno renale, ma studi successivi hanno suggerito che questo è in realtà normale, soprattutto per i giovani atleti. Se l’atleta riposa in una posizione reclinabile e quindi ripete il test, i livelli di proteine ​​dovrebbero tornare alla normalità.

Qual è la connessione tra disidratazione e stanchezza?

La principale connessione tra disidratazione e stanchezza è che la fatica è uno dei sintomi di grave disidratazione. A volte anche la disidratazione da lieve a moderata può portare a slittamento e malessere, poiché ogni cellula del corpo umano è costituita principalmente da acqua e deve essere ricostituita regolarmente con fluidi per funzionare correttamente. Quando i liquidi insufficienti vengono consumati, il corpo deve lavorare extra duro per continuare a funzionare e spesso la fatica è il risultato.

Un motivo per cui la disidratazione e la fatica sono collegati è perché quando non vengono abbastanza liquidi consumati, il sangue diventa leggermente più spesso. Ciò significa che il cuore deve pompare più duro per spostarlo attraverso le vene, richiedendo più energia. Quando si usa più energia, può portare ad affaticamento e lentezza. Questo si verifica spesso in casi di grave disidratazione, anche se molte persone non si rendono conto di aver raggiunto questo punto fino a quando non si verificano ancora più gravi effetti collaterali.

Anche se la maggior parte non lo rende conto, la sete non è un primo segno di disidratazione. Quando il corpo segnala la sensazione di sete, ciò significa che è già accaduta la disidratazione e che i fluidi sono necessari immediatamente. A questo punto, anche stanchezza e altri sintomi potrebbero già verificarsi. Purtroppo, molte persone vivono in una certa misura con uno stato di disidratazione quasi costante e non possono rendersi conto che non sono altrettanto attenti o concentrati come potrebbero essere se consumano più acqua.

Il modo migliore per combattere la disidratazione e la fatica che accade come risultato è quello di bere più acqua e di mangiare più alimenti che contengono acqua. Se il gusto dell’acqua non è gradevole, anche tè con poco zucchero o succhi freschi sono idratanti, anche se i succhi possono causare un aumento di peso se consumati regolarmente. C’è anche acqua trovata in molti frutti e verdure comuni, come meloni, sedano, cetrioli, pomodori e carote. È importante evitare i succhi con aggiunta di zucchero, soda, caffè e tè con troppo zucchero aggiunto durante la disidratazione.

La disidratazione e la stanchezza possono anche essere sintomi di determinate condizioni o disturbi. L’influenza e alcuni insetti dello stomaco possono causare fatica e possono provocare diarrea o vomito, che sono entrambe cause comuni di disidratazione. Questa è una condizione temporanea e entrambi i sintomi dovrebbero diminuire una volta che il virus ha eseguito il suo corso. È importante consumare più liquidi in questo periodo per prevenire gravi disidratazioni e fatiche, particolarmente pericolose nei bambini piccoli e negli anziani.

Che cosa è l’abuso lassativo?

Un lassativo è una sostanza o un farmaco che stimola il corpo per rilasciare i movimenti intestinali. L’abuso lassativo è un uso eccessivo di tali sostanze, in particolare dei lassativi a base di farmaci stimolanti, per una varietà di scopi. Alcune delle ragioni comuni per cui le persone in eccesso utilizzano i lassativi, che per la maggior parte delle persone devono essere presi solo occasionalmente come suggerito da un medico, è perché sono sotto l’impressione errata che può causare perdita di peso o perché soffrono di irregolarità intestinali e credono Deve avere movimenti intestinali ogni giorno. Il gruppo precedente è spesso composto da persone che stanno lottando con disturbi alimentari, e quest’ultimo è molto spesso persone che sono più anziane o che assumono farmaci (forse li abusano) che creano costipazione.

Ci sono molti motivi per non praticare alcuna forma di abuso lassativo. Non promuove la perdita di peso, ma molte persone che sfruttano i lassativi per questa ragione potrebbero aver sperimentato una certa perdita di peso quando hanno iniziato a utilizzare questi farmaci. Prendere più di un importo prescritto o consigliato di lassativi causa certamente la perdita di acqua e questo fa parte del motivo per cui l’abuso diventa pericoloso. È piuttosto possibile che le persone diventino disidratate, che i loro elettroliti diventino sbilanciati o siano molto malati come conseguenza, che includere nausea, vomito, svenimenti e forse coma.

Altri fattori di rischio di abuso lassativo includono il fatto che in tempo possa compromettere il funzionamento del colon, rendendo molto difficile smettere di usare i lassativi. Un rischio elevato per il cancro del colon esiste per chi abusa regolarmente questi farmaci. Anemia può anche essere causata se il sangue viene escreto con sgabello.

Può essere difficile capire se qualcuno sta abusando dei lassativi poiché andando in bagno è in genere una questione privata. Le persone che utilizzano troppo questi farmaci potrebbero avere lunghe sessioni di bagno e probabilmente avranno diarrea estremamente frequente. Se dovessero non essere in grado di accedere a questi farmaci comunemente accessibili, potrebbero invece soffrire di costipazione estrema, che potrebbe essere seguita da una diarrea altrettanto scomoda. Ancora una volta, non è sempre facile dire. Probabilmente lunghi soggiorni nel bagno e la presenza di lassativi in ​​possesso della persona sono i migliori indicatori.

Un altro aspetto dell’abuso lassativo che può rendere le cose difficili è che molte persone veramente diventano un po ‘dipendenti dal prendere lassativi e molto di più che dovrebbero, anche se questi non sono medicinali tecnicamente addictive. Le persone possono diventare mentalmente dipendenti dall’idea di aver bisogno di usarli, e questo può rendere difficile smettere. Tuttavia, è importante che le persone uscano usando, che potrebbero essere in grado di fare per conto proprio.

Se decisi a porre fine all’abuso di questi farmaci, le persone possono aspettarsi costipazione estrema. Dovrebbero contattare un medico se non si verificano movimenti intestinali per tre giorni. Mantenere l’idratazione bevendo otto o dieci bicchieri d’acqua al giorno sarà utile. L’uso di una quantità raccomandata di fibre può aiutare anche con la costipazione e le persone possono anche aiutare se stessi mangiando una dieta a fibra alta, che può aiutare a regolare l’intestino. Coloro che hanno usato fibra come mezzo primario di abuso lassativo, dovrebbero evitare qualsiasi forma di polvere o pillola di questo e dovrebbe semplicemente mangiare una dieta piena di frutta, verdure, grani e proteine.

Alcune persone avranno bisogno di assistenza aggiuntiva per porre fine all’abuso lassativo. Ciò può essere particolarmente vero se contemporaneamente soffrono di condizioni come la dipendenza da dolore o disturbi alimentari. Alcune persone fanno meglio finire più di una dipendenza in un impianto di trattamento e unirsi a un gruppo di supporto o consultando il proprio medico o psichiatra circa il problema aiuta gli altri a trovare un modo per uscire.

Cosa è il rash lupus?

L’eruzione cutanea del lupus può riferirsi ad un classico eruzione che tende ad apparire sul viso e può essere chiamato eruzione cutanea. In alternativa, è uno dei tanti rash cutanei comuni alla condizione lupus, una malattia autoimmune. Nella maggior parte delle persone che hanno lupus la pelle è particolarmente colpita e possono manifestarsi un certo numero di eruzioni cutanee che rendono questa malattia più impegnativa.

L’eruzione della farfalla o l’odore classico del lupus è chiamato così perché ha una forma di farfalla un po ‘in apparenza. Di solito si verifica sul naso, il corpo della farfalla, e si diffonde sulle guance, le ali. Questa forma di eruzione lupus è anche chiamata lupus eritematoso cutaneo acuto. Spesso si verifica dopo l’esposizione alla luce solare, e l’eruzione cutanea può essere piatta o sollevata. La maggior parte delle volte è piatta e la scolorenza della pelle si verifica in modo che sembra arrossata. Questo rash può venire e andare, e di solito evitare l’esposizione al sole può aiutare a guarire, ma può lasciare indietro la colorazione della pelle, a seconda di quanto tempo l’eruzione cutanea era presente.

A volte la gente ha un eruzione cutanea lupus chiamata lupus eritematoso cutaneo subacuto. Invece di diffondersi sul viso, questo rash può verificarsi su un’unica area e avere una forma circolare. L’eruzione cutanea è spesso un risultato dell’esposizione alla luce del sole e produce urti che possono diventare squamosi. In alternativa si può sviluppare una forma più grave di rash lupus che è un po ‘simile a quella del pollo. Gli urti formati dopo l’esposizione alla luce solare sono in realtà blister, e questo è chiamato bulbous lupus erythematosus.

Una forma di lupus tende a colpire solo la pelle, invece di influenzare gli altri sistemi del corpo. Questo è noto come lupus discoidale e può provocare reazioni cutanee più gravi, anche se in genere il lupo discoidale è una forma meno grave di malattia. Tuttavia, l’eruzione è certamente più scomoda e le cicatrici si verificano più facilmente. I tipi di eruzione cutanea associati a questa condizione sono spesso e facilmente visibili e possono essere pruriti. Possono verificarsi in qualsiasi parte del corpo e possono causare scolori permanenti della pelle e cicatrici. L’eruzione cutanea può anche provocare la perdita dei capelli se si verifica sul cuoio capelluto.

Esistono diversi trattamenti per lupus, che possono dipendere dal tipo di eruzione cutanea. A volte gli steroidi attuali aiutano a risolvere i rash, e altre volte le persone avranno bisogno di steroidi orali o iniettati per portare l’eruzione cutanea sotto controllo. Alcuni tipi di chinina trovati nella maggior parte dei farmaci antimalarici sono stati anche dimostrati utili nel trattamento di alcune delle irritazioni cutanee che il lupus può causare.

Cosa è ptsd mite?

Il disturbo da stress post-traumatico, o il PTSD, è una condizione di salute mentale legata all’ansia che sorge dopo che un’esperienza individuale provoca un evento pericoloso e traumatico. Anche se i professionisti medici possono classificare PTSD come lieve, moderato o grave, i criteri diagnostici per il disturbo sono gli stessi. Il PTSD lieve come diagnosi ufficiale non è riconosciuto dal manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali (DSM) o dalla classificazione internazionale delle malattie (ICD). Piuttosto, il PTSD lieve è una valutazione soggettiva che indica un individuo che soffre di PTSD Lievi sintomi rispetto ai casi moderati o gravi.

Non ogni evento traumatico innescherà un disturbo da stress. Allo stesso modo, non tutti gli individui sono soggetti a sviluppare PTSD, anche se diversi individui sperimentano lo stesso evento. Alcuni eventi, come crimini violenti, guerre, disastri naturali o abusi, sono più probabili causare PTSD, anche se un individuo può sviluppare un caso lieve, mentre un altro sviluppa un grave caso di PTSD. Non si sa poco sul perché alcuni individui sviluppino PTSD e altri non lo fanno, anche se i disturbi d’ansietà già presenti possono contribuire alla gravità del disturbo.

Se una persona è diagnosticata con PTSD grave, moderata o mite dipende dalla gravità con cui presentano vari sintomi. Affinché i professionisti medici possano diagnosticare il PTSD, un paziente deve presentarsi con sintomi di forte ansia in quattro categorie. Le quattro categorie principali di sintomi includono la ripresa o l’intrusione, l’evasione, il numbing e l’eccitazione. Diversi pazienti avranno sintomi da tutte e quattro le categorie in gradi diversi, con alcuni individui che sperimentano ulteriori sintomi. La presenza di ulteriori sintomi, quali allucinazioni, comportamenti aggressivi o squillanti nelle orecchie, è meno comune per gli individui con PTSD lieve.

Ripercorrere l’incidente è un sintomo primario e coinvolge memorie persistenti o invadenti o pensieri sull’incidente, inclusi incubi. Con l’evasione, gli individui diventano insolitamente paura di persone, luoghi e cose associate all’evento e spesso evitano qualsiasi esposizione a tali trigger. Il dolore è simile all’eliminazione, con l’eccezione che l’individuo crea una distanza emozionale anormale da persone o attività, sia correlate all’evento traumatico o meno. Infine, l’eccitazione è la quarta categoria di sintomi, tipicamente presentata come ipervigilanza, mancanza di concentrazione, o notti insonni.

Tipicamente, se i sintomi sono disruptivi per l’individuo, ma non debilitanti, l’individuo è classificato come avere PTSD lieve. Depressione debilitante, pensieri suicidi, paura, attacchi di panico, esplosioni aggressive e comportamenti simili mostrano spesso PTSD più grave. Il trattamento per la condizione comporta diversi approcci, spesso basati sulla gravità dei sintomi e sull’effetto che tali sintomi hanno sulla capacità individuale di funzionare. Psicoterapia e farmaci sono il corso più comune del trattamento per PTSD lieve a moderato.

Che cosa è il cancro polmonare di fase 4?

Il cancro al polmone di fase 4 significa che il cancro del polmone si è diffuso ad altre parti del corpo. Ad esempio, quando una persona ha questa fase del cancro del polmone, può essere sparsa al fegato o addirittura al suo cervello. In generale, la prognosi per un paziente affetto da tumore al polmone è tipicamente dipendente dalla fase in cui il tumore ha raggiunto, quindi nella fase 4, di solito è difficile da trattare e l’aspettativa di vita può essere breve. È importante per la gente tenere presente, tuttavia, che l’esperienza di ciascun paziente può essere diversa.

Quando una persona ha il cancro polmonare di fase 4, il suo cancro si è diffuso dai polmoni ad altre parti del corpo. Può essere sparso ai linfonodi del paziente e al fluido che circonda i suoi polmoni o il cuore. A questo stadio, il cancro può anche avere raggiunto il cervello, i reni, le ossa del paziente o altre parti del corpo.

Il cancro al polmone, come altre forme di cancro, è facilmente trattato in una fase precedente. Purtroppo, però, molte persone non si rendono conto di avere il cancro al polmone fino a raggiungere una fase successiva. La prognosi a lungo termine per i pazienti con tumore al polmone che hanno raggiunto questa fase non è molto buona. I tassi di sopravvivenza a cinque anni sono bassi e molte persone sopravvivono solo mesi dopo aver raggiunto questa fase. Ciò può variare, tuttavia, sulla base dello stato unico della salute del paziente e di una serie di altri fattori.

Tra le tante cose che possono influenzare la speranza di vita di un paziente sono l’età e il sesso del paziente, e quanto il cancro si è diffuso. In generale, un paziente più giovane con il cancro al polmone di fase 4 è probabile che vivi più a lungo di una persona anziana. Il tipo di cancro polmonare può influenzare l’aspettativa di vita del paziente e alcuni tipi sono più aggressivi di altri. Allo stesso modo, il cancro del polmone che si è diffuso solo ad un’altra parte del corpo può consentire una maggiore aspettativa di vita rispetto al cancro che si è diffuso ampiamente. Inoltre, le donne tendono a vivere più a lungo dopo una diagnosi di uomini.

È importante notare che il cancro che ha raggiunto la fase 4 è di solito incurabile. Ciò significa che i professionisti del settore sanitario non sono in grado di liberare completamente il paziente del cancro. Può essere trattato, tuttavia, e spesso il fuoco sta nel prolungare la vita del paziente e aiutandolo a rimanere comodo.

Cosa è tenosynovitis?

La tenosynovite è un problema comune che provoca dolori gravi nell’area della mano e dell’avambraccio. In particolare, il dolore può essere localizzato sul lato interno del polso e la regione dell’avambraccio vicino a un pollice della persona. La causa principale è l’infiammazione dei due tendini dei pollici, che provoca dolore nel polso e nell’area del polso. È un problema molto comune e di solito abbastanza facile da diagnosticare.

Le persone che sviluppano tenosynovite usano solitamente le loro mani ei pollici nello stesso movimento ripetuto più volte al giorno. Alcuni moti che portano al suo sviluppo sono continui pizzicare, afferrare oggetti ripetutamente, spremendo le cose, o eseguendo un regolare movimento di strizzatura con le mani e polsi. Le persone che sono state diagnosticate con artrite reumatoide possono anche sviluppare questa condizione.

I sintomi della tenosynovitis includono dolore costante nel polso e nel polso. Nel tempo, se il problema non viene trattato, il dolore può diffondersi ulteriormente sul polso e, possibilmente, tutto il pollice. In definitiva, la tenosinovite non trattata può rendere difficile e quasi impossibile per la persona pizzicare, afferrare, spremere o strizzare qualsiasi cosa senza provare gravi dolori. Inoltre, il dolore peggiorerà nel tempo se non è fatto nulla per alleviarla.

Un professionista medico dovrebbe essere in grado di diagnosticare facilmente la tenosynovitis valutando la mano, le dita e il polso di una persona. I test fisici che lui o lei esegue per diagnosticare in genere coinvolgono semplicemente tenendo il pollice, manipolandolo in direzioni diverse e ascoltando il feedback del paziente. Molte volte, i sintomi migliorano senza trattamento se il movimento aggravante viene interrotto. In alcuni casi, indossare una stecca può anche aiutare a guarire. Nei casi più gravi, i farmaci antinfiammatori, le iniezioni di cortisone, la terapia fisica o la chirurgia possono anche essere parte del processo di trattamento e recupero.

Che cosa è l’ostetrica?

L’ostetrica è un’assistenza medica che assiste le donne durante la gravidanza, la nascita e il periodo postpartum. Una professione antica e vitale, le registrazioni delle ostetriche risalgono alle antiche civiltà, dove sono stati onorati e rispettati professionisti incaricati di portare in sicurezza la vita nuova nel mondo. Oggi le ostetriche sono spesso professionisti certificati, anche se non necessariamente medici. Spesso, le ostetriche lavorano in concerto con gli obstetrici autorizzati per guidare in sicurezza una madre e un bambino attraverso la gravidanza e la nascita.

La storia delle ostetriche è piena di periodi di sospetto e di reverenza quasi mistico. Come coloro che avrebbero potuto portare i bambini nel mondo e tenere vive le donne durante il parto, alcune culture antiche, come quelle in Grecia e Egitto, li onorarono e li consideravano professionisti affidabili e necessari. Purtroppo, i misteri delle pratiche di nascita portano anche alla occasionale accusa di stregoneria o stregoneria e alcuni record storici suggeriscono che le ostetriche erano talvolta vittime di caccia alle streghe in tutto il mondo.

Nella cultura moderna, l’ostetricia può essere praticata da un maschio o da una donna, e di solito include una qualche forma di formazione medica per praticare legalmente. Alcune ostetriche sono anche licenziati infermieri che scelgono di specializzarsi nella particolare area di gravidanza e nascita. Altri ottengono la certificazione attraverso programmi di formazione o apprendistato orientati appunto alla creazione di praticanti di ostetricia. Molti paesi, come gli Stati Uniti, il Regno Unito e diverse nazioni europee, offrono diverse forme di certificazione per le ostetriche dipendenti dal tipo di formazione ricevuta. Alcune certificazioni considerano l’addestramento ospedaliero un requisito, ma non tutti i programmi di licenza insistono sull’istruzione medica ufficiale.

La cura di una ostetrica può variare in base ai livelli di formazione e di certificazione. L’obiettivo di un’ostetrica è quello di guidare in modo sicuro le donne in gravidanza ei loro bambini attraverso l’intero processo di gravidanza e nascita, inclusa la cura postpartum. Alcune donne preferiscono lavorare con le ostetriche a causa della messa a fuoco sulla cura individuale. La polmone è stata anche a lungo associata alla promozione di rimedi naturali e di medicina complementare, rendendo molti praticanti meno propensi a utilizzare la terapia farmacologica, le procedure invasive o l’uso inutile della tecnologia medica. Molte ostetriche assisteranno a nascite di casa, per le donne che non vogliono andare in ospedale o fornire strutture per la nascita che si concentrano sulla comodità e la cura delle donne nel lavoro e nei loro bambini.

Le ostetriche sono meglio in grado di fornire assistenza per le gravidanze complicate in cui i rischi per la salute sono minimi. Se la salute è un problema, prendere in considerazione la ricerca di una levatrice che lavora regolarmente con un ostetrico. Con la ricerca di un team medico-assistito, una donna incinta può ricevere sia la cura personalizzata della ostetrica che i servizi medici avanzati forniti da un ostetrico addestrato. Per coloro che cercano assistenza complementare con un’attenzione particolare sull’attenzione personale, un’ostetrica può servire da compagno e consulente meraviglioso per tutta la gravidanza.

Qual è la polmonite grave?

La polmonite è un’infezione del tessuto polmonare causata da un batterio, un fungo, un virus o un parassita. Le tasche d’aria nei polmoni si riempiono di pus e fluido, rendendo difficile la respirazione e l’assorbimento dell’ossigeno. La polmonite grave può verificarsi se la condizione è lasciata non trattata, l’infezione può viaggiare in tutto il flusso sanguigno e in altri organi. La polmonite è una malattia grave e pericolosa per la vita e coloro con sintomi devono consultarsi immediatamente con un medico.

La polmonite è una delle principali cause di morte nel mondo, e ci sono più di 50 varianti della malattia. Un caso grave può svilupparsi in persone che sono già suscettibili alla malattia a causa di una recente infezione virale, se hanno malattie polmonari o malattie cardiache, sono un fumatore o un alcolizzato o se abusano di droghe. Anche le donne anziane, le donne in gravidanza, i neonati e le persone ricoverate sono più a rischio di sviluppare una polmonite grave. I medici possono solitamente sentire l’accumulo di liquidi nei polmoni semplicemente ascoltando uno stetoscopio per respirare una persona.

In un primo momento, i sintomi della polmonite possono imitare i sintomi di freddo o influenza. Pazienti di polmonite gravi hanno solitamente una febbre di 102 gradi o più per alcuni giorni. Può anche essere presente dolore muscolare e dolore, ei pazienti hanno solitamente una grave tosse che produce sputum, a volte con sangue. Molti pazienti sperimentano sudorazione alternata e brividi e la loro pelle può ottenere una tinta blu o viola dalla mancanza di assorbimento di ossigeno. La differenza più evidente per i pazienti di polmonite grave è nella difficoltà che essi hanno nel prendere un respiro e il dolore al petto.

Le cause della polmonite grave includono vari tipi di batteri, funghi e virus. Streptococcus pneumoniae, staphylococcus aureus e legionella pneumophila tendono a causare le forme più gravi di polmonite. Questi batteri e virus possono causare ascessi a formare nei polmoni, causando gravi danni e persino la morte del tessuto polmonare.

La necropoli, o la morte del tessuto polmonare, non è l’unico problema che può verificarsi quando la polmonite grave non viene trattata troppo a lungo o il corpo della persona non risponde bene agli antibiotici. L’insufficienza respiratoria e la sindrome da disturbo respiratorio acuto possono verificarsi anche quando i polmoni sono infetti. La battericemia può anche verificarsi quando il flusso sanguigno viene infettato da batteri, che consente la diffusione della malattia in tutto il corpo. Alcuni tipi di polmonite possono portare a effusioni pleuriche o empiema, cioè quando si crea pus o fluido tra gli strati della membrana polmonare.

Qual è l’herpes labiale?

L’herpes labiale è un’infezione del labbro dal virus herpes simplex. È caratterizzata da infiammazione dell’area interessata, seguita da dolori e vesciche pieni di liquido sul labbro. Le persone che soffrono della malattia portano il virus del herpes simplex per la vita, ed è in sospeso quando non ci sono sintomi. È anche possibile per le persone portare il virus herpes simplex senza mai presentare sintomi.

Le vesciche causate da questo tipo di herpes sono comunemente chiamate vesciche di febbre o febbre fredde, perché sono più probabili comparire quando una persona con herpes simplex ha già un’infezione da un’altra fonte, come l’infezione del tratto respiratorio superiore che spesso accompagna un raffreddore . Un focolaio inizia con formicolio o rossore di un’area sulle labbra o sul confine tra le labbra e il viso. Successivamente, piccole bolle rotonde formano e rimangono fino a tre settimane. L’herpes labiale, come pure qualsiasi infezione da herpes simplex, è passata attraverso il contatto cut-skin con un individuo infetto o il contatto tra la pelle e il virus stesso. Herpes simplex è spesso contratto quando la persona che trasporta il virus sta avendo un focolaio, che inizia prima della comparsa di vesciche.

L’herpes labiale è spesso accompagnata da sintomi di herpes altrove sulla faccia o sulla bocca. Se colpisce sia il viso che la bocca, la condizione è chiamata herpes orofacial. L’erpete della bocca può essere chiamata stomatite herpetica. Oltre all’iperia labiale, la stomatite herpesica è caratterizzata da gengivostomatite o infiammazione delle guance e delle gengive, nonché delle lesioni o lesioni all’interno della bocca. Altri possibili sintomi includono difficoltà di deglutizione, faringite o mal di gola, linfonodi gonfiati e febbre ghiandolare.

Ci sono due specie di virus di herpes simplex. Il virus Herpes simplex I è più spesso responsabile delle feci fredde, anche se i casi sono stati causati da virus herpes simplex II pure. Herpes simplex virus II è più spesso associato con l’herpes genitale, che causa sintomi simili all’herpes labiale, ma ai genitali, e viene trasmessa attraverso il contatto sessuale. È possibile che entrambi i tipi di herpes siano contratti attraverso il contatto orale-genitale. Tuttavia, se una persona ha una storia di vesciche febbre causate dal virus di herpes simplex I, ha formato anticorpi che impediranno altre infezioni, come le infezioni genitali, causate dalle stesse specie di virus herpes simplex.