Qual è la linfopenia?

La linfopenia, nota anche come linfocitopenia, si verifica quando non esistono abbastanza limfociti nel sangue. Questa condizione può essere il risultato di diversi disturbi del sangue o di altre malattie, tra cui la malattia di Hodgkin e la leucemia. I disturbi del sistema immunitario possono anche portare alla carenza di linfociti.

I linfociti sono uno dei tipi di globuli bianchi utilizzati dal sistema immunitario. Esistono tre tipi di cellule linfocitiche. Lymphopenia non sempre causa una diminuzione di tutti e tre i tipi, e spesso c’è solitamente una scarsità in una sola.

Una diminuzione delle cellule T linfocitiche, chiamata linfocitopenia T, può essere causa di molti problemi. Quando il conteggio delle cellule scende al di sotto del 20% del conteggio totale dei linfociti e non ci sono disordini di immunodeficienza, si raggiunge una diagnosi. I conteggi delle cellule linfocitarie a bassa t lasciano persone inclini a sviluppare polmonite, criptococce e altre infezioni opportunistiche.

La linfocitopenia a B avviene quando i conteggi delle cellule linfociti B sono bassi, ma gli altri conteggi delle cellule sono normali. Con questo tipo di linfopenia, il sistema immunitario non può correttamente combattere gli antigeni perché i linfociti B sono responsabili della produzione di anticorpi. Questa variazione è spesso causata da farmaci che sopprimono il sistema immunitario.

Una forma rara di questa condizione è la linfocitopenia naturale (NK). Si verifica quando le cellule killer naturali sono basse e gli altri livelli linfociti sono normali. Le cellule killer naturali fanno parte delle difese del sistema immunitario. Hanno la responsabilità di distruggere le cellule danneggiate e infette. Con una carenza di assassini naturali, l’assenza o la bassa quantità di queste cellule permette al corpo di essere invaso da infezioni, virus e tumori.

L’ematopatologia è una zona di patologia che si concentra specificamente sulle cellule del sangue rosso e bianco. Attraverso questa zona di studio, gli scienziati sono stati in grado di determinare che la linfopenia è una condizione separata dalla pancitopenia, e che è limitata ai linfociti. La prova del sangue mostra che mentre la pancitopenia è una diminuzione delle cellule rosse, delle piastrine e delle cellule del sangue bianco, la linfopenia comporta solo una diminuzione delle cellule del sangue bianco. In alcuni casi, tuttavia, la mancanza di globuli bianchi può essere una parte della pancitopenia, a seconda di quale causa.

Il trattamento varia. Se l’istanza è mite e non ha alcuna altra condizione come una causa, il trattamento della diminuzione non è necessario. Le condizioni come il virus dell’immunodeficienza umana (HIV) e le infezioni devono essere trattate per aumentare i conteggi delle cellule linfocitiche. In un caso in cui i conteggi dei linfociti diminuiscono a causa della chemioterapia o di altri tipi di trattamenti, i conteggi dei linfociti aumentano generalmente senza intervento, in quanto il tempo di trattamento avanza o quando il trattamento si ferma.

Qual è la tromboflebite superficiale?

La tromboflebite superficiale è una condizione dolorosa e talvolta disabilitante delle vene appena sotto la pelle che colpisce comunemente le gambe, l’inguine e le armi, è spesso correlata alle vene varicose. La tromboflebite superficiale è anche chiamata flebite superficiale. Il suo meccanismo principale è un processo infiammatorio-trombotico, che può essere secondario a infezioni, lesioni, disturbi del sangue o scarso flusso sanguigno.

Normalmente, il sangue scorre attraverso i vasi in modo liscio e ininterrotto. Quando una persona ha fattori predisponenti, come l’aterosclerosi o l’ispessimento irregolare della parete dei vasi sanguigni, i disturbi del sangue come la leucemia o la policitemia, il trauma dei vasi sanguigni o semplicemente il flusso di sangue scarso, si verifica formazione di trombi. Un trombo è semplicemente un coagulo di sangue che rimane in un posto all’interno del vaso sanguigno, che è una vena in questo caso. Ciò che rende questo trombo attaccato alle pareti della vena è una reazione infiammatoria che aumenta quella viscosità delle piastrine. La combinazione di infiammazione e trombosi porta ai sintomi tipici della tromboflebite.

Quando la flebite superficiale si verifica secondaria ad un’infezione, si chiama tromboflebite settica. Di solito, una tale infezione segue l’uso della cateterizzazione endovenosa tra le persone che sono sottoposte a terapia intravenosa di droga per altre malattie. Quando non ci sono infezioni coinvolte, la phlebitis superficiale viene semplicemente chiamata tromboflebite sterile.

Indipendentemente dalla causa, una persona che ha tromboflebite superficiale spesso sperimenta dolore o tenerezza sulla zona interessata. Questo dolore si verifica di solito con gonfiore. Dopo qualche tempo, una striatura rossa potrebbe apparire lungo il percorso di una vena, che normalmente appare come un vaso blu o verde sotto la pelle. Se questa striscia rossa è palpata o sentita lungo la sua lunghezza, avrebbe la consistenza di un cavo duro elevato.

Una grave malattia da vena chiamata trombosi venosa profonda (DVT) non deve essere scambiata per tromboflebiti superficiali. DVT provoca poca o nessuna infiammazione, ecco perché non presenta con le vene tenere. Inoltre, perché il DVT coinvolge vene profonde, di solito manca di manifestazioni cutanee.

Questo non significa che una persona con flebite superficiale dovrebbe essere compiaciuta. Gli studi dimostrano che le persone con tromboflebiti superficiali hanno spesso DVT concomitante. Questo perché entrambe le condizioni hanno fattori di rischio e meccanismi di sviluppo simili. Inoltre, la phlebitis superficiale non trattata potrebbe infine invadere le vene più profonde, portando alla sindrome postflebitica, al DVT o addirittura all’embolia polmonare. Pertanto, una persona con tromboflebite superficiale dovrebbe essere screenata per DVT e l’embolia polmonare e trattata il più presto possibile.

Il trattamento mira alla causa e fornisce sollievo dei sintomi. Se c’è un’infezione, gli antibiotici vengono somministrati. Per affrontare la trombosi e il dolore, vengono somministrati eparina a basso peso molecolare (LMWH) e farmaci antiinfiammatori non steroidei (FANS) come l’aspirina. Altre terapie che potrebbero aiutare sono la camminata regolare, l’applicazione di compresse calde e l’uso di calze a compressione.

Qual è l’ipossemia refrattaria?

L’ipossemia è una condizione in cui i livelli di ossigeno nel sangue sono troppo bassi. L’ipossemia refrattaria è rara e si riferisce ad ipossemia che non può essere corretto dando al paziente l’ossigeno supplementare per respirare. Di solito si sviluppa come risultato finale di una condizione nota come sindrome da disturbo respiratorio acuto, in cui la respirazione diventa estremamente difficile. Alcune tecniche sono state testate per curare questa condizione, ma non sono state trovate terapie veramente efficaci. L’ipossiemia è una forma di ipossia, che è un termine più generale usato per descrivere i livelli di ossigeno bassi in qualsiasi parte del corpo, inclusi tessuti e sangue.

Ci sono numerose cause di ipossemia tra cui l’anemia, l’altitudine e una via aerea ostruita. Le cause più comuni che conducono alla sindrome da distress respiratoria, associata all’ipossemia, sono la polmonite o un’infezione che sovrasta il corpo intero. Normalmente, l’ipossia può essere migliorata dando ai pazienti ossigeno, ma l’ipossia refrattaria non risponde a questo trattamento.

Spesso, l’ipossemia refrattaria si verifica perché gli spazi d’aria all’interno dei polmoni sono pieni di liquidi. Questo potrebbe essere il risultato di sanguinamento nei polmoni, infezione o insufficienza cardiaca. Poiché gli spazi aerei sono pieni di liquidi, questo impedisce l’ossigeno inalatorio passando nei vasi sanguigni che allineano gli spazi polmonari e entrando nel flusso sanguigno. In questa situazione, malgrado la somministrazione di ossigeno, i livelli di ossigeno nel sangue rimangono anormalmente bassi.

I segni di ipossemia comprendono un aumento della respirazione, confusione e perdita di coscienza. Se i polmoni sono pieni di liquidi, i medici possono sentire rumori di crepitio caratteristici quando ascoltano il petto attraverso uno stetoscopio. L’ipossemia refrattaria viene diagnosticata quando i livelli di ossigeno nel sangue non riescono a migliorare dopo l’ipossemia trattata con terapie come ossigeno supplementare e ventilazione meccanica.

Sono stati testati alcuni trattamenti potenzialmente utili per l’ipossemia refrattaria. Questi includono il fatto che i pazienti si trovano sui loro fronti, utilizzando tecniche di ventilazione speciali dove vengono somministrati più velocemente i volumi di aria più piccoli e somministrando farmaci che dilatano i vasi sanguigni nei polmoni. Avere il paziente si trovano in questa posizione è pensato per aiutare a respirare, consentendo l’apertura di spazi d’aria nei polmoni. In un altro trattamento, il sangue viene pompato dal corpo attraverso un polmone artificiale per aumentare i livelli di ossigeno, prima di essere restituito al paziente. Purtroppo nessuna delle terapie testate ha mostrato un significativo miglioramento dei tassi di sopravvivenza dei pazienti con questa condizione.

Qual è la cistoscopia rigida?

Una cistoscopia è una procedura che consente a un urologo di guardare il tratto urinario inferiore del paziente. Questa procedura viene eseguita usando un cistoscopio, un dispositivo medico tubolare con una macchina fotografica alla fine. I medici possono eseguire questa procedura utilizzando un cistoscopio flessibile o un cistoscopio rigido. Durante una cistoscopia rigida, un medico può anche prendere una biopsia, se necessario, che non è un’opzione durante una cistoscopia flessibile. Una cistoscopia rigida può essere un po ‘più dolorosa e invasiva, quindi viene sempre eseguita in anestesia generale.

I medici hanno la capacità di visualizzare e esaminare l’uretra e la vescica durante questo tipo di cistoscopia. Questa procedura può essere necessaria per aiutare a diagnosticare i pazienti con dolore pelvico cronico, per verificare il cancro della vescica, per valutare le infezioni croniche della vescica o per cercare anormalità uretrale nei pazienti che hanno difficoltà ad urinare o spesso hanno sangue nelle urine. Molti pazienti possono eseguire questa procedura come una chirurgia ambulatoriale. Quando una biopsia è fatta, un medico può raccomandare un soggiorno di una notte in ospedale.

Quando un paziente si sta preparando per questa procedura, lui o lei rimarrà sulla schiena con le gambe diffuse e le ginocchia alzate. Questa posizione è simile al modo in cui una donna viene esaminata presso un ufficio di ginecologo. Una volta che il paziente viene messo sotto anestesia, prende solitamente un medico solo per circa 30 minuti per eseguire la procedura.

Un paziente può sentirsi stropato e stanco dopo una rigida cistoscopia. I pazienti devono portare un amico o un membro della famiglia a guidarli a casa. Dolore o bruciore con la minzione per un giorno o due dopo che la procedura è prevista. La maggior parte dei medici prescriverà gli assassini di dolore per un paziente da utilizzare durante il recupero.

Non ci sono fattori di rischio importanti o effetti collaterali che accompagnano questo tipo di cistoscopia. Alcuni pazienti possono avere una piccola quantità di sangue nelle loro urine se è stata eseguita una biopsia. Questo dovrebbe essere solo temporaneo. È anche possibile ottenere un’infezione del tratto urinario (UTI) come complicazione di una cistoscopia. Se un paziente è inclini a ricevere UTI, un medico può inviare il paziente a casa con un antibiotico come misura preventiva.

Si raccomanda che i pazienti bevano un sacco di liquidi dopo questa procedura per aiutare a riportare il loro flusso urinario alla normalità. Anche le femmine possono prendere un bagno caldo o tenere un tappetino di riscaldamento nella loro zona vaginale se stanno vivendo dolore uretrale. Se una biopsia è stata eseguita, un medico stabilirà un appuntamento di follow-up per superare i risultati del test.

Che cosa è petit mal? (Con immagine)

Il termine “petit mal” è usato per descrivere un tipo di sequestro caratterizzato da una breve e improvvisa perdita di memoria e controllo del motore. Questi episodi sono distinti dai convulsioni più lunghe che spesso comportano convulsioni e una prolungata perdita di coscienza, a volte chiamata crisi epilettiche. Le crisi epilettiche sono più comuni nei bambini e negli adolescenti. Di solito causano solo un’interruzione relativamente minore nella coscienza, talvolta accompagnata da piccoli scossoni delle mani o dei muscoli del viso. Il termine medico per questo tipo di sequestro è una sequenza di assenza, riferendosi alla breve assenza di coscienza che è il sintomo più comune.

I sintomi di crisi epilettiche possono essere difficili da osservare poiché le convulsioni stesse sono così brevi, spesso durano solo pochi secondi. Il paziente può sembrare semplicemente staring nello spazio. Esistono alcune indicazioni comuni di una complessa sequenza di assenza, come la svenzione involontaria delle labbra o il masticare, i movimenti delle mani e le palpebre svolazzanti; queste attività sono chiamate automatismo. Durante questo periodo, la persona non avrà coscienza del proprio ambiente e non sarà in grado di continuare un’attività cosciente come il movimento o il parlare.

Sebbene siano tipicamente brevi, questi attacchi possono talvolta includere sintomi comuni a crisi epilettiche più lunghe, come ad esempio la caduta o la caduta. Essi si verificano molto improvvisamente e possono verificarsi in qualsiasi momento. Le persone che hanno assenza di convulsioni possono sperimentarle molte volte al giorno.

I sequestri di qualsiasi tipo sono causati da attività elettrica anomale nel cervello. Le cellule cerebrali chiamate neuroni producono normalmente piccole cariche elettriche che regolano le funzioni del cervello e del corpo. La malattia o il danneggiamento del cervello può causare questa attività a cadere dalla sincronizzazione, il che può provocare convulsioni, anche se i dettagli precisi del motivo per cui ciò accade non sono ancora completamente compresi. Alcune cause conosciute di epilessia e disturbi dell’epilessia includono disturbi metabolici quali malattie renali o epatiche, bassi livelli di sodio, magnesio o calcio, traumi cerebrali o malattie come tumori cerebrali, difetti di nascita e eredità.

Poiché i malati sono così brevi ei loro sintomi sono spesso sottili, possono essere difficili da rilevare e diagnosticare. La ripresa completa da un sequestro è spesso molto veloce, tuttavia la vittima non avrà memoria dell’episodio o di eventuali eventi avvenuti durante quel periodo. Nei bambini, la loro prima indicazione può essere difficoltà di apprendimento inspiegabile o un’incapacità di concentrarsi sul lavoro scolastico. I bambini con assenza di convulsioni sono talvolta diagnosticati erroneamente con disabilità di apprendimento.

Le procedure mediche come le analisi del sangue, la risonanza magnetica (MRI) o l’elettroencefalografia (EEG) possono essere utilizzate per verificare l’attività cerebrale irregolare e altre condizioni, come un tumore del cervello, che potrebbero causare episodi di convulsioni. Altri test utilizzano luci lampeggianti negli occhi per misurare l’attività elettrica del cervello sotto stimolazione. Tali misure spesso possono determinare la natura delle crisi epilettiche, che è importante per determinare quali farmaci possono meglio trattarli.

Alcune persone credono che dovrebbero tentare di trattenere una persona che soffre di un sequestro, per impedire loro di ferirsi, mordendosi o deglutendo la lingua. Queste credenze si basano su idee sbagliate obsolete sull’epilessia: tali azioni possono effettivamente provocare lesioni a una persona. La risposta migliore è rimuovere tutti i pericoli ovvi, come gli oggetti affilati vicini e attendere che il sequestro passa. Nel frattempo, offrono rassicurazioni verbali ad altri passanti e al paziente, che possono essere disorientati. Assenza di attacchi si verificano e scendono rapidamente, quindi non ci può essere tempo per ulteriori azioni.

I convulsioni di assenza sono più comuni nei bambini, molti dei quali superano di loro e sono in grado di interrompere il farmaco quando raggiungono l’età adulta. Solo una piccola percentuale di malati affetti da malitopatie presenta crisi epilettiche a lungo termine o malattie toniche-cloniche. Anche allora, molti sono in grado di vivere la vita normale con farmaci regolari.

I bambini che sono stati diagnosticati con crisi di assenza dovrebbero essere attentamente monitorati quando si nuotano o svolgono altre attività che potrebbero essere pericolose. Una persona potrebbe annegare in lui o lei perde la coscienza mentre in una vasca o in una piscina. I pazienti che soffrono di crisi epilettici possono non essere autorizzati a guidare e potrebbero aver bisogno di evitare attività fisica durevole.

Sia “petit mal” che “grand mal” sono termini francesi, vale a dire rispettivamente “piccola malattia” e “grande malattia”. I professionisti medici e altri che affrontano regolarmente l’epilessia spesso considerano questi termini obsoleti, preferendo una terminologia medica più precisa, come la “assenza di sequestro”. La parola epilessia stessa non descrive una singola malattia, come si crede comunemente, ma piuttosto una vasta gamma di disturbi cerebrali caratterizzati da attività di sequestro.

Cosa è l’intonaco adesivo?

In Gran Bretagna e in molte ex colonie, il termine “intonaco incollato” è usato per riferirsi ad una benda adesiva. Alcune persone lo chiamano anche Elastoplast, dopo un popolare marchio britannico. Il termine slang regionale è diventato noto attraverso numerosi libri popolari di queste nazioni e molte persone riconoscono ciò che significa dal contesto. Negli Stati Uniti e nel Canada, un bendaggio adesivo è meglio conosciuto come Band-Aid, grazie ad un marchio di fasciatura marchiato ben pubblicizzato da Johnson e Johnson.

Ci sono tre componenti primarie per un intonaco incollato. Il primo è uno strato di nastro adesivo per l’esterno. Sotto sotto il nastro, un piccolo rilievo antiaderente è progettato per essere orientato su una ferita aperta o bruciare e un composto appiccicoso si diffonde sul nastro adesivo circostante in modo che la benda si attacchi. Alcuni produttori fanno nastro adesivo che assomiglia fortemente all’intonaco, e si potrebbe anche dire che l’intonaco sia “intonacato” su una ferita per coprire.

Il disegno di base dell’intonaco adesivo è stato sviluppato all’inizio del ventesimo secolo. Rappresentava un notevole miglioramento rispetto alla netta bobina e alla garza ingombrante. E ‘anche molto conveniente, dato che è pronto per l’uso e l’unica cosa che un consumatore deve fare è selezionare la giusta dimensione.

Il tipo di nastro adesivo utilizzato varia notevolmente, anche se il materiale appiccicoso e il tampone antiaderente sono di solito essenzialmente gli stessi su qualsiasi modello di intonaco incollato. Alcuni sono realizzati con nastro di tessuto che si piega e si flette con il portatore, ma non si tiene bene all’acqua e agli elementi. Altri utilizzano uno strato di plastica con fori perforati che permettono di respirare o plastica impermeabile per le persone che lavorano in condizioni umide.

La dimensione di un gesso adesivo varia anche da piccole a molto grandi. Possono anche essere utilizzate forme diverse. Ad esempio, piccoli intonaci ad incastro rotondi sono adatti per le dita e le articolazioni, mentre fasce quadrate o rettangolari più larghe vengono utilizzate per coprire ferite maggiori. È importante assicurarsi che il tampone non attacchi copre tutta la ferita, poiché essere attaccati ad una bruciatura o taglio può essere doloroso.

Come regola generale, gli intonaci incollati sono confezionati individualmente, per affrontare le preoccupazioni sanitarie. Quando uno è richiesto, il pacchetto viene aperto in modo che l’intonaco possa essere applicato. Può essere usato anche unguento o crema antibiotico, per prevenire l’infezione. Alcune marche anche trattare i loro pastiglie antiaderenti con antibiotico, per salvare i consumatori il passo in più.

Che cosa è l’esposizione di ovulazione?

Molte donne associano sanguinamento vaginale leggero, o spotting, solo con il loro periodo. La verità è che la macchia può verificarsi in altre occasioni anche nel ciclo mestruale. Una piccola percentuale di donne presenta un’oculazione di ovulazione e si verifica tipicamente circa due settimane prima del loro periodo previsto. È raro avere questo sintomo di ovulazione, ma è considerato un buon segno di fertilità per coloro che lo fanno.

Alcune donne potrebbero confondere l’osservazione dell’ovulazione con la macchia che hanno prima di iniziare il loro periodo, ma questo sanguinamento leggero dovrebbe essere osservato circa due settimane prima dell’inizio del prossimo periodo. Di solito rosa o marrone, e dura da uno a due giorni. Poiché l’identificazione dell’ovulazione si verifica tipicamente un giorno o due prima dell’ovulazione, è una buona idea avere rapporti sessuali il giorno in cui si nota per concepire. Ciò è particolarmente vero se è accompagnato da un muco cervicale che somiglia ai bianchi d’uovo, in quanto questo è il muco più fertile.

Esistono alcune ragioni possibili per l’identificazione dell’ovulazione. Una delle teorie è che l’uovo provoca qualche sanguinamento dopo che si rompe dal follicolo quando si verifica l’ovulazione. L’altra teoria principale è che il sanguinamento è causato dai cambiamenti negli ormoni. Più estrogeni del solito vengono rilasciati poco prima dell’ovulazione, e questo cambiamento improvviso potrebbe portare ad un certo spotting leggero.

Il sanguinamento è di solito così leggero in quantità che può essere perso se la donna sta tenendo d’occhio per esso. Può essere qualche piccola macchia di sangue marrone o rosa, o potrebbe essere una singola striscia che si presenta dopo la pulitura. Può anche essere sbagliato per il sanguinamento dell’impianto, che di solito si verifica circa una settimana dopo l’ovulazione, quando l’uovo fecondato implanta nella fodera uterina.

Un buon modo per essere sicuri che la macchia sia effettivamente dovuta all’ovulazione piuttosto che alla mestruazione o all’impianto è quello di osservare altri segni. Quando si verifica l’ovulazione, la donna dovrebbe notare che la sua temperatura corporea basale aumenta entro i prossimi due giorni. Dovrebbe anche osservare il muco cervicale bianco dell’uovo, e la sua cervice dovrebbe sentirsi più alta e più morbida del solito. Molte donne sperimentano crampi durante l’ovulazione, chiamato mittelschmerz, che si suppone anche per essere causato dall’effetto di rottura attraverso il follicolo. Quando l’identificazione di ovulazione è combinata con uno di questi segni, è probabile che il momento migliore per il rapporto sessuale avvenga se l’obiettivo è la concezione.

Cosa è dolce cicale?

Dolce Cicely più comunemente si riferisce a Myrrhis odorata, un’erba che è nativa in diversi paesi europei. I parenti americani e asiatici dell’impianto, anche membri della famiglia Osmorhiza, vengono chiamati anche Sweet Cicely. Questa erba è non tossica, ma è simile in apparenza ad alcune varietà velenose di piante di hemlock. L’impianto è stato utilizzato per una varietà di scopi, che vanno dai verdi insalata all’olio di mobili ad aggiunte puramente decorative ai letti da fiori.

Frequentemente trovato nei giardini di erbe, la pianta è una fragranza perenne che spesso attrae le api. L’erba ha piccoli fiori bianchi e foglie delicati che assomigliano a fronde felce. Il dolce Cicely può crescere ad una dimensione di 3 piedi (circa 94 cm) alto da 3 piedi (circa 94 cm). La pianta cresce meglio in un’area ombreggiata con un terreno umido e un buon drenaggio e non tollera bene il calore. Mentre l’erba può essere coltivata da sementi, i semi devono essere congelati e poi scongelati per germogliare correttamente.

La radice, le foglie, i semi e i fiori sono considerati commestibili e possono essere utilizzati in varie ricette di casa. Dolce Cicely è spesso descritto come degustazione leggermente dolce con un sapore simile all’anice o alla liquirizia. La radice può essere tagliata, asciugata e macinata in polvere da utilizzare come sostituto di finocchio o caraway, o radici fresche possono essere bollite o arrostite come la maggior parte delle altre verdure radicate. Inoltre, le foglie possono essere utilizzate come un verde insalata. I semi possono essere bolliti e aggiunti anche a zuppe o salse.

Ci sono diversi altri possibili usi domestici e commerciali dell’impianto. L’olio estratto dai semi è stato usato per rendere lucidare mobili. L’impianto può essere asciugato e usato come aggiunta a miscele di potpourri. Le foglie e le radici dolci Cicely possono anche essere utilizzate per creare liquori aromatizzati e cordoli di frutta. Probabilmente l’uso commerciale più noto dell’impianto è stato dai monaci certosini che utilizzavano l’erba nel loro famoso liquore, Chartreuse.

Anethole, l’olio essenziale trovato in Sweet Cicely, finocchio e anice stellato, viene utilizzato a volte in aromaterapia. Alcuni rimedi popolari suggeriscono che l’erba può essere utilizzata per facilitare i problemi di stomaco e la flatulenza. Le radici della pianta sono considerate antisettiche e sono state utilizzate come rimedi naturali per morsi e punture d’insetti. Il dolce Cicely è stato usato anche per alleviare la tosse secca, in quanto l’erba è ritenuta per allentare lo stomaco.

Qual è la connessione tra cancro e polmonite?

Il cancro e la polmonite sono collegati in diversi modi. La polmonite può svilupparsi come complicazione del cancro. Può anche essere un sintomo di alcuni tipi di cancro. Anche se il cancro polmonare e la polmonite possono verificarsi insieme, la polmonite può anche svilupparsi con altri tipi di cancro.

Per capire perché queste condizioni spesso si sviluppano insieme, è importante sapere quale è la polmonite. La polmonite è un’infezione nei polmoni. Può essere causato da un fungo, da batteri o da infezioni virali. Quando una persona ha il cancro il suo sistema immunitario è spesso più debole, e può sviluppare la polmonite più facilmente.

Uno dei segni del cancro del polmone è la polmonite ricorrente. Quando una persona continua a sviluppare problemi respiratori, come la polmonite, possono essere ordinati altri test, come una scansione CT del petto. Talvolta si trova il cancro al polmone.

È anche possibile che una diagnosi del cancro possa essere ritardata se il cancro è errato per la polmonite. A volte, le persone con polmonite possono avere sintomi simili al cancro ai polmoni. Poiché la tosse, la mancanza di respiro, ansimare e stanchezza sono sintomi comuni di entrambe le malattie, è possibile in un primo momento provocare erroneamente la polmonite.

Il cancro e la polmonite sono anche correlati perché il trattamento per il cancro può talvolta portare alla polmonite. I trattamenti per il cancro, come la radioterapia e la chemioterapia, possono talvolta causare danni ai polmoni come effetto collaterale. Quando i polmoni diventano danneggiati, la polmonite può svilupparsi più facilmente. La chemioterapia spesso indebolisce le difese del corpo, per cui i virus, i batteri ei funghi che causano la polmonite possono facilmente attaccare i polmoni.

Se si verifica una polmonite in una persona con cancro, le complicanze possono verificarsi più frequentemente. La sindrome da distress respiratoria e la sepsi sono due complicazioni gravi che si sviluppano più spesso nelle persone che hanno entrambe le condizioni. La sepsi si verifica nelle persone con cancro se l’infezione entra nel flusso sanguigno. Questo può essere un’infezione pericolosa per la vita.

A seconda del tipo di polmonite, il trattamento può includere antibiotici, trattamenti respiratori, fluidi intravenosi (IV) e ossigeno. Il trattamento può essere più aggressivo se il paziente ha anche un cancro. Questo è quello di liberare rapidamente il corpo della polmonite per prevenire gravi complicazioni. I pazienti con entrambe le malattie sono più probabili essere trattati in ospedale anziché come ambulatori a casa.

La prevenzione, come l’ottenimento di un vaccino contro la polmonite, può essere raccomandata per le persone che hanno alcuni tumori. Altri modi per ridurre le probabilità di ottenere la polmonite includono mangiare bene, ottenere abbastanza riposo e lavare le mani spesso. Le persone con tumore dovrebbero essere particolarmente diligenti per stare lontani da altri che hanno la polmonite per evitare di essere infettati.

Che cosa è knismesis?

Nel 1897, due psicologi, Granville Stanley Hall e Arthur Allin, si avvicinano ai termini knismesis e gargalesis per riferirsi alle due forme di solletico. Hall è una figura importante nella psicologia americana, ha contribuito a fondare l’American Psychological Association e ha anche iniziato la prima rivista di psicologia in America. Arthur Allin era anche una persona ben conosciuta nella psicologia, specialmente negli Stati occidentali, dove ha addestrato molti psicologi di talento durante i suoi anni all’Università di Boulder.

La knismesis è solletica leggera, come quelle di una piuma, di tocco dolce, di insetti o di una corrente elettrica lieve. Il solletico pesante nelle aree sensibili del corpo, come le ginocchia, i piedi e le nervature, viene indicato come gargalesi. Mentre i termini non sono ampiamente usati, possono fare un interessante argomento di conversazione.

La maggior parte delle persone associa la knismesis con un senso di calma e talvolta viene usato per sbattere gli animali in una trance, perché il tocco dolce sembra sistemarsi e rilassare il corpo. A volte può anche essere percepito come una sensazione di prurito che ha indotto alcuni psicologi a suggerire che la differenza tra la knismesis, che raramente produce risate e gargalesi, che produce risate e reazioni fisiche violente, può avere qualcosa a che fare con la prurito personale di un individuo soglia. Il tocco leggero del solletico è utilizzato anche nel gioco erotico in molte culture, perché aumenta il senso del tatto per la persona solletica.

La gargalesi, d’altra parte, è una forma molto più solida di solletico, che a volte sembra quasi doloroso. Alcuni psicologi hanno teorizzato che gli esseri umani rispondono alla gargalesi con risate e incoraggiano le espressioni facciali per promuovere la pazza gigantesca, una parte importante dell’interazione sociale equilibrata e della forma fisica. A differenza di knismesis, la gargalesi deve essere eseguita da qualcun altro per essere efficace e le ragioni di questo sono sconosciute.

La maggior parte degli esseri umani ha sperimentato il solletico leggero, anche se non hanno conosciuto il nome proprio. Provi a leggere una mano sul braccio opposto: notate che la sensazione è strana e quasi pruriginosa, ma non ti farà ridere o tirare il braccio. La maggior parte delle persone ha più piede sensibile, a volte l’esperienza della knismesis sul piede diventa troppo intensa e si può desiderare che la sensazione si arresti dopo pochi minuti. Tutte le aree del corpo sono sensibili alla knismesis, a differenza della gargalesi, che deve essere eseguita su aree specifiche e sensibili del corpo per evocare una risposta. Alcuni individui semplicemente non rispondono alla gargalesi.